Artiglio del Diavolo

header artiglio

L’Artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens) è una pianta originaria del Sud Africa. Il suo nome particolare deriva dai piccoli uncini presenti sul frutto della pianta. Gli estratti, invece, sono ricavati dalla radice secondaria. Le sue applicazioni sono molto antiche e, nella tradizione africana, l’Artiglio del diavolo è stato utilizzato per secoli per curare la febbre, l’artrite e le infiammazioni articolari e muscolari.

Diversi studi scientifici hanno comprovato le proprietà antidolorifiche dell’Artiglio del diavolo, ed in particolar modo, le persone che lo hanno assunto sistematicamente hanno avuto considerevoli riduzioni del dolore. Particolarmente utile è la sua azione in caso di gotta, dolori articolari e muscolari. L’artiglio del diavolo sembra dunque avere gli stessi effetti delle medicine anti-infiammatorie e produce cambiamenti nella sintesi endogena di alcune molecole coinvolte nell’infiammazione.

L’assunzione degli estratti di questa pianta non ha particolari controindicazioni per le persone sane tuttavia ne è sconsigliato l’uso a persone che soffrono di ulcere gastriche e duodenali o con valori alterati della glicemia.