Il tarassaco: depurativo naturale

1396964180470131320Probabilmente i vostri nonni lo indicavano con i nomi volgari di “piscialetto”, “stella gialla” o “dente di leone”, denominazioni diffuse nella tradizione contadina: stiamo parlando del tarassaco, pianta particolarmente utilizzata in fitoterapia per le sua proprietà depurative.

Si tratta di una pianta erbacea perenne, diffusa in tutta Italia e facilmente reperibile nei prati, o ai margini delle strade.

Nel periodo medievale era utilizzato come cura per il fegato, scelta probabilmente dovuta anche al colore giallo dei suoi fiori, simile a quello della bile.

Le proprietà diuretiche di questa pianta, cui allude ovviamente il nome comune “piscialetto”, fanno sì che venga spesso utilizzata nella formulazione di integratori appositamente studiati per favorire il drenaggio dei liquidi corporei e la depurazione generale dell’organismo.

La parte utilizzata in fitoterapia è la radice, per la sua capacità di “attivare” i cosiddetti “organi emuntori”, deputati allo smaltimento delle scorie metaboliche.

In generale, per un assunzione a fini fitoterapici, lo si può trovare sotto forma di estratto secco o liquido, tisana, o tintura madre, ed è utilizzato da solo o, più di frequente, in sinergia con altre erbe e nutritivi.