La galega e l’allattamento

1402992659178012346La Galega officinalis è una pianta nota e utilizzata fin dall’antichità per le sua proprietà galattogoghe: l’etimologia del suo nome non a caso deriva dal greco gala (che significa “latte”) e agein (ovvero “produrre”, “apportare”). Nota agli antichi anche col nome di herba rutae caprariae, nel corso della storia le sono state attribuite svariate virtù, e in particolare era sfruttata per le sue proprietà diaforetiche, per curare le febbri maligne e la peste. Pare che a tal fine sia stata utilizzata abbondantemente nel corso della terribile epidemia di peste che colpì la Lombardia nel tardo Cinquecento.

In passato credenze popolari ritenevano questa pianta utile anche per curare il morso dei serpenti e le attribuivano un potere vermifugo.

La medicina moderna, e in particolare la fitoterapia, riconoscono alla galega proprietà utili alle donne che allattano al seno: la sua assunzione può infatti promuovere la formazione di latte materno e, come tale, viene spesso utilizzata nella formulazione di integratori appositi destinati alle puerpere.

Questa azione specifica è dovuta in parte ai flavonoidi in essa contenuti. Spesso, per sfruttarne al meglio le virtù, è utilizzata in sinergia con la vitamina C, utile per ridurre stanchezza e affaticamento e per contribuire alla formazione del collagene necessario per il mantenimento della salute di pelle, ossa e cartilagini.